Contenuto del Progetto

L’area transfrontaliera compresa tra l’Osttirol e le Province di Bolzano e Belluno, ha una lunga tradizione di cooperazione tra i comprensori dedicati allo sci di fondo (o sci nordico) che formano il carosello sciistico più grande d’Europa: il DolomitiNordicSki. La cooperazione tra territori ha portato alla costituzione di un comitato organizzativo transfrontaliero che gestisce un circuito con circa 1.200 Km di piste da fondo, percorribili con un unico skipass. Lo sci nordico rappresenta pertanto, per l’area transfrontaliera, una delle principali risorse endogene capaci di promuovere lo sviluppo sostenibile e duraturo della regione. Lo sci nordico rappresenta infatti una concreta alternativa al turismo invernale di massa, è caratterizzato da un basso impatto ambientale, in quanto è praticabile con impianti leggeri che non incidono sull’ambiente e sul paesaggio, interessa e dà un ruolo di primo piano alle località periferiche che non appartengono ai grandi circuiti turistici. Il progetto nasce dalla necessità di rafforzare lo sci di fondo quale opportunità di sviluppo sostenibile, facendo leva sulla naturale propensione dell’area transfrontaliera verso questa forma di turismo.
Il progetto interessa anche l’area dell’Altopiano dei 7 Comuni allo scopo di creare sinergie tra regioni confinanti e di stimolare la disseminazione delle buone pratiche sviluppate nel progetto.

 

Obiettivi

Il progetto si pone l’obiettivo generale di promuovere lo sviluppo sostenibile e la competitività dell’area delle Dolomiti e dell’Altopiano di Asiago attraverso la valorizzazione della cooperazione tra territori per il rafforzamento dello sci nordico, quale alternativa alle attività del turismo di massa invernale. L’obiettivo generale del progetto nasce pertanto dall’esigenza di dare nuovo valore aggiunto allo sci di fondo, rappresentato dalla possibilità di incrementare la qualità e la sicurezza della pratica dello sci attraverso nuovi ed innovativi servizi sviluppati congiuntamente a livello transfrontaliero. Un ulteriore elemento di strategicità del progetto consiste nell’opportunità, offerta dalla cooperazione transfrontaliera, di promuovere l’integrazione tra il sistema dello sci di fondo e gli altri sistemi socio-economici locali quali l’ambiente e la natura, l’agricoltura, i giacimenti culturali, l’artigianato, il wellness e le terme.

Dall’obiettivo generale del progetto derivano i seguenti obiettivi specifici:

  • creazione di nuovi servizi congiunti e transfrontalieri a supporto dello sci nordico,basati sulle tecnologie dell’informazione, atti a facilitare le relazioni economiche, e lacompetitività delle PMI;
  • realizzazione di azioni concrete per l’integrazione transfrontaliera dei comprensori sciistici, anche mediante il coordinamento e la standardizzazione delle soluzioni di orientamento e guida del turista;
  • raccordo e sinergia tra le azioni di promozione e marketing effettuate in ogni regione, in modo da
  • ottimizzare le risorse e rendere l’intero territorio più attrattivo;
  • diffusione della conoscenza dell’ambiente e delle risorse naturali nelle quali viene praticato lo sci di fondo, contribuendo a rafforzare la cultura del rispetto dell’ambiente;
  • incremento reale della sicurezza della pratica dello sci, quale fattore competitivo per attrarre nuove categorie di utenti nell’area transfrontaliera;
  • integrazione dell`offerta di fondo transfrontaliera in un progetto di mobilità pubblica.

 

Attività

Il WP1 è relativo alla gestione del progetto e comprende il Comitato di Gestione Dolomiti Ski (CGDS), rappresentativo dei partner, che si riunisce almeno 6 volte, un Segretariato Tecnico ed un sistema congiunto di gestione economico-finanziaria e monitoraggio del progetto.

Il WP2 è attinente alla comunicazione e disseminazione transfrontaliera. Il LP indirizza e monitora la preparazione dei contenuti dei materiali di comunicazione e cura il sito web contenente gli strumenti per l’orientamento unitario al turista nelle diverse aree.

Il WP3 prevede l’individuazione congiunta dello stato attuale dei servizi e delle nuove esigenze per il potenziamento dello sci nordico. Sulla base di una metodologia e di strumenti comuni di analisi,  ogni partner effettua, nel proprio territorio, una raccolta di informazioni presso osservatori privilegiati del turismo ed un sondaggio presso i turisti.

Il WP4 prevede l’organizzazione e promozione di percorsi turistici, organizzati in “traversate transfrontaliere” articolate in più giorni lungo i tragitti nordic ski. I percorsi consentono di associare la pratica dello sci di fondo con le altre risorse locali quali l’ospitalità, le risorse naturali, gli sport minori, i giacimenti culturali ed i prodotti tipici.

Il  WP5 prevede che ogni partner provvede all’installazione di pannelli informativi che danno una chiave di lettura unica ai turisti per tutti i comprensori sciistici interessati dal progetto. Il WP5 comprende poi la georeferenziazione degli itinerari dello sci di fondo e dei punti di interesse, rendendo disponibili gratuitamente nel sito web le mappe complete delle piste ed i tracciati per i supporti GPS, sempre più diffusi tra i turisti. Al fine di incrementare concretamente la sicurezza e la sostenibilità dello sci di fondo, ogni partner stampa il decalogo da distribuire nel proprio territorio, predispone cartelli informativi nei punti di accesso ai comprensori sciistici ed organizza incontri informativi per i turisti e giornate formative per gli studenti delle scuole.

IL WP6 prevede la realizzazione di un’indagine dei rischi e degli impatti sull’ambiente collegati allo sci nordico e la conseguente stampa  di un decalogo di comportamento per il turista per la prevenzione degli incidenti e la tutela delle risorse naturali.

 

Partecipanti al Progetto

Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni

Consorzio Turistico Alta Pusteria

Provincia di Belluno

Osttirol Werbung GmbH

Comune Forni di Sopra